Ritorna agli articoli

Come pulire i crostacei

Gamberi, gamberetti, astici e aragoste fanno parte della famiglia dei crostacei. Per pulirli c’è un metodo speciale, più semplice di quanto crediate. Scopritelo in pochi semplici passi!

Dopo aver visto insieme come pulire spigole e orate oggi vediamo passo passo come pulire i crostacei.

Innanzitutto assicuratevi di avere a portata di mano forbici, schiaccianoci, pinzette e coltello. In alternativa potete procurarvi un utensile sguscia-crostacei ovvero un coltellino speciale per pulire i gamberi, pinze per astici e aragoste e forchettine per estrarre la polpa.

 

Come pulire i piccoli crostacei

Per pulire i piccoli crostacei come gli scampi, i gamberi e i gamberetti, bisogna staccare la testa dalla parte addominale, ovvero dalla cosiddetta “coda”; quindi, va tolto a quest’ultima il guscio, tagliandolo al centro con una forbice da cucina e tirandone delicatamente la polpa in un unico pezzo; infine, si elimina il filo nero intestinale situato lungo tutta la coda, che renderebbe la preparazione amara, estraendolo con una pinzetta.

 

Come pulire i grossi crostacei

I grossi crostacei come l’astice e l’aragosta, invece, vanno cotti in acqua bollente, già salata e condita con verdure e aromi, sia che li acquistate freschi che surgelati. Nel caso in cui li acquistiate vivi, per evitare di essere pizzicati, mettete il crostaceo su un’asticella di legno e legate la coda con spago da cucina.

Una volta cotto e lasciato raffreddare, riporre il crostaceo su un tagliere; con un coltello robusto e ben affilato tagliare l’aragosta a metà, incidendo prima nella parte della testa in mezzo agli occhi. Continuare a tagliare l’addome con colpi secchi e decisi tenendo ben ferma l’aragosta con la mano sinistra mentre col la destra si taglia. Con un cucchiaio si elimina l’intestino, poi si infilza la carne con la forchetta, e con l’aiuto del cucchiaio la si stacca.

Quando invece dell’aragosta si taglia un astice o un granchio occorre rompere le due chele con le apposite pinze o con il dorso di un grosso coltello, prima di servirle.

 

Fonte: alimentipedia.it – salabar.it

Image Credits: salepepe.it

Nessun commento

Il tuo browser non è aggiornato!

Aggiornalo per vedere questo sito correttamente. Aggiorna ora

×