Ritorna agli articoli

Comodi, sani e sicuri.
Scopri le qualità dei surgelati.

Ormai entrati da anni nelle case degli italiani, i surgelati sono spesso oggetto di cattiva informazione e di ingiusti pregiudizi.

Sottoposti a studi e ricerche scientifiche, dibattiti e leggende metropolitane, sono stati negli ultimi anni sempre più “riabilitati” da dietologi e nutrizionisti, tanto che oggi possiamo affermare che sono non solo comodi, ma anche sani e nutrienti.

In particolare è stata sfatata l’idea che i cibi freschi, una volta surgelati, perdano il loro potere nutrizionale.

Se rispettata la catena del freddo in tutte le sue fasi e se il procedimento di surgelazione è corretto ed i cibi freschi vengono portati a una temperatura di -18°C in tempi molto rapidi, l’acqua contenuta al loro interno forma dei cristalli di ghiaccio molto piccoli e ugualmente distribuiti che causano alle cellule dell’alimento lesioni irrilevanti, mantenendo una buona tessitura e la qualità originaria.

Le proprietà nutritive e organolettiche in questo modo rimangono intatte, così come consistenza e gusto.

È utile anche ricordare che le basse temperature bloccano l’attività di enzimi e batteri che, a temperatura ambiente, decompongono invece l’alimento. Dunque, è possibile dedurre che la surgelazione si può senza dubbio ritenere la migliore tecnologia di conservazione da un punto di vista igienico e nutrizionale.

Quali prodotti scegliere?

La carne, sia rossa che bianca, conserva inalterate le proteine, mentre per quanto riguarda il pesce sono ottimi il merluzzo atlantico, il nasello, i pesci piatti e magri come la sogliola e la platessa che grazie alla pelle spessa possono essere conservate in freezer per diversi mesi, ma anche molluschi e crostacei.

Quali sono gli accorgimenti importanti da mettere in pratica?

I ricercatori avvertono che nel caso in cui i cibi freschi vengano surgelati in casa, occorre fare attenzione che il frigorifero arrivi a una temperatura di -18°C e disponga di almeno tre o quattro stelle. Questo perché il processo di surgelamento, rispetto a quello industriale, è più lento e c’è il rischio che i cristalli di ghiaccio che si formano all’interno dell’alimento siano piuttosto grossi e ne danneggino le cellule con uno decadimento della qualità e delle proprietà nutrizionali dei cibi.

Bisogna inoltre tenere presente che, quando si acquistano prodotti già surgelati, è fondamentale riporli nel freezer prima possibile (nel giro di mezz’ora e non oltre!) evitando che inizi il processo di scongelamento che può portare alla comparsa e diffusione di batteri patogeni.

Un accorgimento utile in tal senso può essere quello di usare la borsa termica per il trasporto dei surgelati fino a casa. Per la stessa ragione è severamente vietato scongelare un alimento e poi ricongelarlo, poiché si rischiano pericolose intossicazioni batteriche.

Diverso, invece, è il caso in cui scongela un alimento, si cucina e poi si ricongela: in questo caso il ricongelamento è consentito, in quanto la cottura intermedia, uccidendo i batteri, rende il prodotto non pericoloso.

Hai visto quante sono le qualità dei surgelati?

Nei negozi Delfino ti proponiamo prodotti di alta qualità, surgelati freschissimi, che rispettano la catena del freddo in tutte le sue fasi. Inoltre, il continuo ricambio nei nostri banchi frigo, ti garantisce confezionati sempre freschi, sia nel caso degli sfusi che dei confezionati.

Scopri di più nella sezione Perché Delfino e guarda tutti i nostri Prodotti nella sezione dedicata del nuovo sito!

 

Fonti: 

www.fondazioneveronesi.it/articoli/lesperto-risponde/i-surgelati-sono-come-i-cibi-freschi

www.istitutosurgelati.it/component/content/article/23-press-room/49-la-catena-del-freddo.html

www.ok-salute.it/alimentazione-e-diete/10_a_surgelati-guida.shtml

www.greenme.it/mangiare/alimentazione-a-salute/15238-surgelati-nutrienti

www.spigoloso.com/cucina/il-freezer-e-i-cibi-congelati

Nessun commento

Il tuo browser non è aggiornato!

Aggiornalo per vedere questo sito correttamente. Aggiorna ora

×